Logo SLH

PROGETTO



INTERVISTA AL PROFESSOR ADOLFO NATALINI


QUALE L'IDEA GUIDA E L'ISPIRAZIONE CHE HA DATO VITA AL SUO PROGETTO ARCHITETTONICO


Scriveva J.L. Borges: 'Tutto si costruisce sulla sabbia, niente si costruisce sulla pietra, ma dobbiamo costruire sulla sabbia come se fosse pietra...'
Relais San Lorenzo
Piazza Mascheroni 2008
Abbiamo sempre tenuto presente questa massima nel nostro lavoro cercando di costruire edifici e parti di citta' solidamente radicati, anche quando i luoghi non offrivano nessuna solidita', non piu' campagna e non ancora citta', luoghi di cui era difficile rintracciare il senso.
Ma quando dovevamo costruire nella citta' storica, l'unica che conservi la forma e il senso di citta', questa massima ci ricordava il nostro privilegio di costruire sulla pietra e quindi l'obbligo di rispettarla costruendo pietra su pietra.
Relais San Lorenzo
Ipotesi Progettuale
Niente si costruisce con le rovine, ma tutto si costruisce sulle rovine. Le rovine e i progetti condividono il malinconico destino dell'assenza: le prime di un qualcosa che e' scomparso per sempre, i secondi, l'attesa di un qualcosa che forse non verra'.
Dove ora sorge il Relais San Lorenzo, sull'angolo nord-est della piazza Nuova di Bergamo Alta, le rovine sono apparse sotto i diversi strati del terreno. Come in un antico palinsesto, sono visibili le scritture sovrapposte, frammenti che attendono di essere riletti e interpretati. Sono antiche pietre che chiedono di essere conservate, memorie preziose capaci di evocare storie e accendere speranze di altre trasformazioni.


Relais San Lorenzo
Ipotesi Progettuale

QUALI I PRINCIPI ALLA BASE DEL PROGETTO


L'ampliamento dell'albergo San Lorenzo e' stato progettato per rispondere a diverse richieste: ridefinire la piazza 'interrotta' dalle demolizioni, salvaguardare e rendere visibili gli scavi archeologici e infine creare un ambiente accogliente inserito in un contesto eccezionale.
Il nuovo edificio inizia così dall'esistente e si sviluppa in parte sulla piazza per ricongiungersi alla porzione addossata al fianco della chiesa. Si crea così un chiostro interno e si riduce la lunghezza della facciata sulla piazza garantendo il mantenimento della vista verso la Maresana. Aldila' del muro esistente la linea dell'edificio accompagna lo sguardo verso le colline.
Non c'e' nessun tentativo di imitazione o di ricreazione, tutt'al piu' e' un'evocazione.
Sulla piazza l'immagine dell'albergo si compone di tre elementi:
Relais San Lorenzo
Ipotesi Progettuale
la facciata restaurata dell'edificio esistente (verso sud), quella dell'addizione e il lungo muro esistente restaurato. La prima e' ad intonaco, la seconda in bronzo architettonico e vetro, il terzo in pietrame a vista. I tre elementi giustapposti rimandano alle diverse fasi della costruzione creando sulla piazza un fronte in cui i diversi tempi convivono, in analogia a quanto avviene nella citta' storica.


QUALI LE CARATTERISTICHE DELL’ALBERGO


La struttura alberghiera e' stata concepita sul modello dell’albergo di alta qualita' costruttiva e di elevato standard (quattro stelle lusso o 5 stelle).
Sulla piazza si affaccia con un'ampia apertura la hall dell'albergo che lascia intravedere la corte interna. Dalla hall si accede alle camere del piano terra e tramite i collegamenti verticali a quelle del piano superiore e alla sala inferiore e alla zona archeologica. Le auto, tramite un montacarichi, raggiungono i tre livelli del parcheggio interrato.
Relais San Lorenzo
Ipotesi Progettuale Definitiva

Il primo livello interrato contiene oltre alla sala colazioni affacciata sull'area archeologica una sala riunioni, una moderna SPA e ambienti di servizio. Un percorso sospeso, accessibile al pubblico, permette una vista ravvicinata dei resti archeologici. Il piano terra contiene la hall, 15 camere e il giardino pensile. Il primo piano altre 15 camere.


QUALE IL RAPPORTO DELLA SUA CREAZIONE CON LO SPAZIO E DELLA CITTA' DI BERGAMO E DELLA PIAZZA, DELLA CHIESA E DEL PAESAGGIO IN CUI LA STRUTTURA SI INSERISCE


La piazza Mascheroni aveva prima delle demolizioni uno statuto di piazza delimitata con edifici di diverso peso: i lati sud ed ovest monumentali, i lati nord ed est domestici. Su questo lato sorgeva l’Osteria della Croce Bianca con il suo campo da bocce. Sempre ad est, arretrato, il fianco della chiesa di San Lorenzo. Relais San Lorenzo
Le demolizioni hanno portato una diversa configurazione: la piazza ha perso il suo limite est e si e' aperta una visuale maggiore sul 'fuori'. Con la nuova sistemazione della piazza le grandi alberature hanno introdotto un brano naturale escludendo in gran parte la visuale verso le colline. D'altronde e' come se la natura fosse gia' entrata in citta' ...
Il piano chiedeva di costruire un nuovo corpo ad 'L' capace di ridefinire il lato nord-est della piazza, mantenendo una porzione dell’area su via Boccola ad uso pubblico. La Soprintendenza richiedeva la salvaguardia dell’apertura della piazza per mantenere la vista sulla Maresana.
Il progetto e' stato piu' volte rielaborato in base ai pareri della Commissione Paesistica e nel rispetto delle indicazioni e prescrizioni della Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici.
Il progetto cercava di rispondere alle diverse richieste, mantenendo in equilibrio le ragioni della storia, del paesaggio, della citta' e dell’albergo.


QUALE PRINCIPIO DI INTEGRAZIONE FRA STORIA, REPERTI ARCHEOLOGICI E CONTEMPORANEITA' HA ADOTTATO


L'area archeologica e' stata sistemata dopo la fine degli scavi secondo le direttive della Soprintendenza archeologica. Relais San Lorenzo Il progetto ha dotato l’area di luce naturale ed areazione. Un percorso sospeso sui resti porta i visitatori dall'accesso su piazza Mascheroni a quello in prossimita' del nuovo museo. Gli scavi sono visibili anche dall'esterno, in corrispondenza delle aperture vetrate sulla piazza e su via Boccola.
La copertura dell'area archeologica e' configurata come un giardino pensile disegnato da aperture regolari che illuminano i resti sottostanti. Una serie di cupolette trasparenti sono posizionate su una griglia quadrata con un interasse di m 4,50. Sottili strisce in pietra s'incrociano determinando riquadri pavimentati in ciottoli. Basse siepi delimitano i giardinetti delle camere. I clienti e i visitatori accedono al giardino pensile dal piano terra dell’albergo. Dal giardino pensile si apre una bellissima vista sulla Maresana.


DI QUALI ELEMENTI E' RIMASTO PIU' SODDISFATTO AMMIRANDO L'OPERA FINITA


Relais San Lorenzo Un elemento di soddisfazione e' la sensazione di aver lavorato per la citta'.
Ho lavorato per piu' di trent’anni su citta' storiche italiane ed europee affrontando ogni volta il tema dell’inserimento di nuovi edifici in un contesto storico.
Ho imparato che ogni citta' e' diversa e che ognuna chiede un’eguale attenzione e una dedizione totale. Ogni volta ho cercato di parlare la lingua della citta'.
Per piu' di dieci anni ho osservato la duplice bellezza di Bergamo: la bellezza della citta' vecchia arroccata sul monte e la distesa bellezza della citta' nuova attorno al Sentierone. Ho camminato a lungo nelle strade, dal piano fino alla cittadella. Ho percorso citta' alta di notte, cercando di perdermi perche' così avrei scoperto sempre nuovi angoli, nuovi muri, nuove porte. Ho letto tutti i libri che potevo trovare e che portavano nel titolo il nome di Bergamo, ho scrutato fotografie e studiato carte.
Non voglio vantarmi della mia conoscenza ma casomai scusarmi per l’ignoranza: troppe cose non so della citta' e dispero di saperne mai abbastanza.
Relais San Lorenzo Ma di una cosa sono sicuro: la Piazza Mascheroni aveva perduto il suo statuto di piazza con le demolizioni, e l’ampliamento dell’albergo San Lorenzo cercava seppur in minima parte di ridefinirne i confini perduti.
Di fronte all’opera finita mi sembra che la piazza abbia ritrovato un suo limite e una sua misura. Un altro elemento di soddisfazione e' dato dai riflessi del sole della sera sulle nuove pareti in bronzo e dalle ombre cariche di memorie e di sorprese che riempiono gli spazi sotterranei.


Relais San Lorenzo




PIAZZA MASCHERONI ANTE 2009



Relais San Lorenzo


PIAZZA MASCHERONI POST 2014



Relais San Lorenzo



BIENNALE DI VENEZIA 2014


Relais San Lorenzo in Bergamo
progettato da Adolfo Natalini
alla Biennale di Venezia 2014

Mostra Internazionale di Architettura - Padiglione Italia
7 Giugno - 23 Novembre 2014

Relais San Lorenzo      Relais San Lorenzo





PREMIO INTERNAZIONALE DI ARCHITETTURA E DESIGN 2015


Relais San Lorenzo





PUBBLICAZIONI ED EVENTI



- DOMUS n. 997, febbraio 2014 (pdf)

- ARK n. 13, 2014 (pdf)

- BIENNALE DI VENEZIA 2014 (pdf)

- PREMIO INTERNAZIONALE DI ARCHITETTURA 2015 (pdf)

Facebook   Linkedin   Instagram   Yuotube